Fermiamo le grandi aziende dei combustibili fossili che stanno facendo causa al governo!

Ai governi e parlamenti europei e alle istituzioni europee

Petizione

Facciamo in modo che i paesi europei si ritirino dall’Energy Charter Treaty e blocchiamo la sua espansione a scapito di altri paesi! Il trattato consente alle corporazioni di carbone, petrolio e gas di ostacolare la transizione a un sistema basato sull’energia pulita. Disarmiamo subito le industrie dei combustibili fossili per impedire loro di bloccare ulteriori misure urgenti a favore del clima!

Leggi ancora

Perché è importante?

Aggiornamento del 5 maggio 2022:

Stiamo pagando delle multe enormi alle multinazionali dei combustibili fossili. I cittadini europei potrebbero dover pagare oltre 7 miliardi di Euro alle aziende di petrolio, gas e carbone per le loro misure a favore del clima.[1][2]

  • L'azienda del settore di gas e petrolio, Rockhopper, chiede 260 milioni di Euro agli italiani per aver vietato nuovi giacimenti petroliferi lungo la loro costa.
  • Ascent chiede 120 milioni ai contribuenti sloveni per aver dato priorità all'ambiente anziché; al fracking del gas.
  • Vattenfall ha portato in tribunale i cittadini tedeschi chiedendo 4,3 miliardi di Euro in seguito alla decisione di abbandonare il nucleare.
  • E i cittadini olandesi dovranno pagare 2,4 miliardi di Euro a RWE e Uniper per aver deciso di abbandonare il carbone!

Il tempo a nostra disposizione per evitare la catastrofe climatica sta per finire. Ma le aziende dei combustibili fossili tengono in ostaggio i nostri governi, minacciando di portarli in tribunale per estorcere loro il pagamento delle multe. Stanno bloccando i nostri governi dal prendere le decisioni fondamentali per salvare il clima.

Questo pericoloso trattato sui combustibili fossili, ufficialmente chiamato "Energy Charter Treaty" più che mai obsoleto, e risale a un periodo in cui i governi negavano i rischi sul clima.[3] Eppure, le aziende dei combustibili fossili vi si aggrappano per salvare i loro sporchi profitti.

Ma salvare i profitti significa portare in tribunale i governi che osano mettere al primo posto le persone e il pianeta. E se le aziende vinceranno, i governi dovranno pagare loro i risarcimenti con i nostri soldi pubblici. Soldi pubblici che potrebbero essere usati per investimenti ecologici, istruzione e sanità, anziché continuare ad arricchire le tasche dei principali responsabili dell’inquinamento globale.

Noi stiamo guadagnando terreno nei loro confronti. L’Italia ha già ritirato la sua sottoscrizione a questo pericoloso trattato, gli europarlamentari sostengono il nostro appello, e ora tocca ai paesi membri scegliere da che parte stare. Ma affinché ciò avvenga, i ministri per l’energia devono leggere i nostri messaggi in cui spieghiamo perché la questione ci sta a cuore.

Leggi ancora

Riferimenti:

  1. L’azienda Rockhopper, del settore di gas e petrolio, chiede 260 milioni di Euro agli italiani per aver vietato nuovi giacimenti petroliferi lungo la sua costa. Ascent chiede 120 milioni ai contribuenti sloveni per aver dato priorità all’ambiente anziché al fracking del gas. Vattenfall ha portato in tribunale i cittadini tedeschi chiedendo 4,3 miliardi di Euro in seguito alla decisione di abbandonare il nucleare. E i cittadini olandesi dovranno pagare 2,4 miliardi di Euro a RWE e Uniper per aver deciso di abbandonare il carbone!
    https://energy-charter-dirty-secrets.org/#section5
    https://friendsoftheearth.eu/press-release/uk-fracking-company-sues-slovenia-over-environmental-protection/
    https://www.investigate-europe.eu/en/2021/ect/
    https://www.euractiv.com/section/energy/news/energy-charter-treaty-strikes-again-as-uniper-sues-netherlands-over-coal-phase-out/
    https://www.euractiv.com/section/energy/news/germanys-rwe-uses-energy-charter-treaty-to-challenge-dutch-coal-phase-out/
  2. ttps://energy-charter-dirty-secrets.org/#section5
  3. https://foeeurope.org/sites/default/files/climate_justice/2020/ect_axe_to_climate_action.pdf

In collaborazione con:

 

Firma Ora

    Stai firmando come
    Non sei tu?

    Cliccando su “firma” sostieni questa campagna e acconsenti al trattamento dei tuoi dati da parte di WeMove Europe ai fini della campagna stessa e riceverai un’e-mail per confermare che desideri ricevere informazioni sulle nostre campagne sulla posta elettronica. Quando consegnamo le petizioni firmate al destinatario, condividiamo solo il tuo nome e il paese da cui provieni. Alla fine della campagna cancelliamo i tuoi dati a meno che non ti registri per la ricezione di aggiornamenti personalizzati. Non trasferiamo, in nessun caso, i tuoi dati a terzi senza la tua autorizzazione. Qui puoi consultare tutti i termini della nostra politica sulla privacy.