Vietiamo il glifosato in Europa!

Emmanuel Macron, Presidente della Repubblica francese

Petizione

Le chiediamo di sostenere un futuro senza glifosato, opponendosi pubblicamente al rinnovo dell’autorizzazione di questo pesticida tossico all’interno dell’ Unione Europea e presentando un programma per il sostegno degli agricoltori.

Le chiediamo di prendere fin da subito questo impegno pubblico, come primo passo per raggiungere l'obiettivo più ampio di un abbandono rapido dei pesticidi sintetici e della transizione dell’agricoltura e del nostro sistema alimentare.

Leggi ancora

Perché è importante?

Il pesticida tossico di Bayer-Monsanto che uccide le api, non scomparirà da solo. [1] [2]

Insieme, abbiamo lottato per vietare il glifosato in Europa. Ma ci sono in corso dibattiti al livello europe per farlo restare disponibile sul mercato. I lobbisti di Bayer-Monsanto stanno bombardando i leader europei con studi fallaci a supporto delle loro tesi. [3]

Abbiamo di fronte una grande opportunità per fermarli. Il presidente francese Emmanuel Macron ha già dichiarato che, quando subentrerà alla decisiva presidenza del Consiglio dell’UE fra qualche settimana, sosterrà una “rapida eliminazione dei pesticidi”. [4][5] E, soprattutto, con le elezioni presidenziali francesi dietro l’angolo, Macron sentirà la pressione di dover mantenere le sue promesse.

Ma se non teniamo alta l’attenzione su questo argomento, potrebbero restare soltanto parole vuote. Poiché è in gioco il suo futuro politico, Macron vorrà proteggere la sua reputazione di leader europeo che tiene fede agli impegni presi sia in Francia sia a livello europeo. A riprova che tutti noi lo teniamo d’occhio, questa enorme petizione oltre i confini francesi, potrebbe assicurarci che davvero rispetti la parola data.

Leggi ancora

Riferimenti:

  1. L’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC), ente dell'Organizzazione Mondiale per la Sanità, nel 2015 ha stabilito che il glifosato è genotossico e cancerogeno per gli animali e "probabilmente cancerogeno" per l'uomo. L’IARC ha basato la sua analisi su studi pubblicati da ricercatori accademici su riviste accademiche: https://publications.iarc.fr/549
  2. “Glyphosate perturbs the gut microbiota of honey bees”, Erick V. S. Motta, Kasie Raymann, Nancy A. Moran, Proceedings of the National Academy of Sciences Oct 2018, https://www.pnas.org/content/115/41/10305
  3. Due tossicologi di fama internazionale hanno confermato, nell'estate del 2021, che la stragrande maggioranza dei 53 studi alla base del parere delle autoritĂ  europee sulla genotossicitĂ  del pesticida non soddisfa i criteri di conformitĂ : https://s3.amazonaws.com/s3.sumofus.org/images/Evaluation_scientific_quality_studies_genotoxic_glyphosate.pdf
  4. Nel periodo in cui la Francia detiene la presidenza del consiglio dell’UE la Francia ne definirà l'agenda di lavoro e l’orientamento per il successivo anno e mezzo. La presidenza del Consiglio, infatti, viene assegnata a rotazione agli stati membri dell'UE ogni 6 mesi. Durante questo periodo di sei mesi, la presidenza presiede le riunioni a tutti i livelli del Consiglio dell’UE, contribuendo a garantire la continuità del lavoro dell'UE negli stati membri del Consiglio. I paesi membri del Consiglio che detengono la presidenza lavorano a stretto contatto gli uni con gli altri, in gruppi di tre, chiamati "trio". Il trio fissa obiettivi di lungo termine e redige un'agenda comune determinando gli argomenti e le questioni principali che saranno affrontati dal Consiglio nell’arco di un periodo di 18 mesi.
  5. L'impegno di Emmanuel Macron al Congresso mondiale dell'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) a Marsiglia il 4 settembre: "Voglio che la presidenza francese dell'Unione europea prenda un'iniziativa sul tema dei pesticidi, e mi impegno fin da ora a operare per una rapida eliminazione dei pesticidi". Video e trascrizione [in francese]: https://www.elysee.fr/emmanuel-macron/2021/09/03/ceremonie-douverture-du-congres-mondial-de-la-nature-de-liucn

In collaborazione con:

Firma Ora

    Stai firmando come
    Non sei tu?

    A te interessa fare la differenza, e anche a noi. Cliccando su "Sì", ti unisci alla nostra comunità di 1,2 milioni di persone che si battono per un mondo migliore. Ti informeremo subito sulle nostre campagne e sui progressi che stiamo facendo.


    Cliccando su “firma” sostieni questa campagna e acconsenti al trattamento dei tuoi dati da parte di WeMove Europe ai fini della campagna stessa e riceverai un’e-mail per confermare che desideri ricevere informazioni sulle nostre campagne sulla posta elettronica. Quando consegnamo le petizioni firmate al destinatario, condividiamo solo il tuo nome e il paese da cui provieni. Alla fine della campagna cancelliamo i tuoi dati a meno che non ti registri per la ricezione di aggiornamenti personalizzati. Non trasferiamo, in nessun caso, i tuoi dati a terzi senza la tua autorizzazione. Qui puoi consultare tutti i termini della nostra politica sulla privacy.